Funzionalità per la Musica Antica

Aggiornato 5 giorni fa

    MuseScore offre diverse funzioni specializzate per creare stampe di musica antica (in particolare medievale e rinascimentale) simili alle edizioni commerciali dal XX secolo in poi.

    Notazione non barrata (o non misurata)

    In MuseScore, le note che hanno durata maggiore di quella della battuta sono normalmente rappresentate con legatura di valore attraverso la stanghetta. Tuttavia MuseScore ha una caratteristica speciale che gli permette di visualizzare i valori intatti delle note, senza dividerle e legarle in questo modo. Questo permette di trascrivere musica senza stanghette (cioè non è divisa in battute), come quella del rinascimento:

    1. Dalla barra menù, selezionare FormatoStilePartitura.
    2. Contrassegnare la casella etichettata "Mostra il valore delle note ignorando la stanghetta della battuta".
      Menù opzione della partitura per visualizzare i valori delle note ignorando stanghette di battute
    3. Cliccare "OK" o "Applica". La partitura esistente si aggiorna immediatamente.

    Esempio

    1. L'esempio qui sotto mostra un estratto dalla partitura originale del "De Profundis Clamavi" per 4 voci di Nicolas Champion:
      Musica antica - originale
    2. Lo stesso estratto visualizzato in MuseScore:
      Musica antica – “barrata”
    3. E dopo aver attivato "Mostra il valore delle note ignorando la stanghetta della battuta".
      Musica antica – non “barrata”
    4. Per non visualizzare le stanghette, basta deselezionare la casella "Mostra stanghette" nella finestra di dialogo delle proprietà Rigo / Parte. Vedere anche Mensurstrich (sotto).

    Nota: La funzione è ancora in sviluppo e può contenere bug. Il valore di nota più lungo supportato è la longa (una longa punteggiata è ancora spezzata e legata).

    Mensurstrich

    Poiché per i musicisti attuali una completa mancanza di linee di battuta potrebbe rendere l'esecuzione della musica più difficile, molti editori moderni hanno optato per un compromesso chiamato Mensurstrich, con il quale le stanghette di battuta sono disegnate tra i righi, ma non attraverso di essi.

    Mensurstrich

    Per posizionare le stanghette di battuta tra i righi:

    1. Nel rigo più basso (di solito il rigo inferiore di una accollatura) dove si vuole applicare il Mensurstriche proposto, deselezionare "Mostra stanghette" nella finestra di dialogo Proprietà Rigo /Parte;
    2. Nel rigo sopra il punto in cui si vuole il Mensurstrich, cliccare su una stanghetta;
    3. Nella sezione Stanghetta dell’Ispettore, spuntare l’opzione "Estendi al rigo successivo";
    4. Nella sezione Stanghetta dell’Ispettore, regolare il valore "Estendi da" in modo che la parte superiore della stanghetta incontri la linea inferiore del rigo (per esempio, impostare a 8);
    5. Cliccare il tasto "Imposta come predefinita rigo".

    Ambitus

    Prima che venisse introdotto il concetto di altezza assoluta, gli esecutori dovevano spesso trasporre "al momento" la musica vocale per ottenere estensioni cantabili dal loro ensemble. Per aiutarli, a volte veniva incluso un ambitus che indicava l'intervallo di estensione vocale all'inizio del pezzo.

    Per applicare un ambitus, usare uno dei seguenti metodi:

    • Trascinare il simbolo dell’ambitus (dalla tavolozza Linee dell’area di lavoro Avanzata) su una chiave.
    • Selezionare una o più chiavi, quindi cliccare (doppio clic per versioni precedenti la 3.4) il simbolo ambitus (nella tavolozza Linee dell’area di lavoro Avanzata).

    Ambitus

    Quando viene applicato, l'ambitus visualizza automaticamente l'intervallo di note del rigo corrispondente: se c'è un'interruzione di sezione, allora viene visualizzato solo l'intervallo di note della sezione. Oltre l'interruzione di sezione potrà essere applicato un nuovo ambitus.

    L'intervallo di note dell'ambitus può essere regolato manualmente selezionandolo e cambiando i valori di "Nota apicale" e "Nota inferiore" nell’Ispettore. Per la regolazione automatica cliccare sul pulsante Corrispondenza rigo nell’Ispettore.

    Indicazioni metriche mensurali

    ATTENZIONE - Questa parte è da aggiornare
    Nel sistema di notazione mensurale, le indicazioni metriche non definivano la lunghezza di una battuta, ma la lunghezza di brevi e semibrevi. MuseScore supporta i simboli di tempo mensurali come metodo di visualizzazione nella finestra dialogo delle “proprietà indicazioni metriche” piuttosto che come simboli, ma in questo caso hanno proprio solo funzione di “visualizzazione”, poiché la proporzione, per esempio, tra minima e semibreve non può essere modificata.

    Un modo per fare uso di questi simboli è quello di trascrivere composizioni rinascimentali in cui sono simultaneamente presenti più voci con diverse indicazioni metriche senza utilizzare gruppi irregolari. Modificare l'indicazione metrica in base al singolo rigo, fino a far coincidere inizio e fine battuta in tutti i righi. Se questo risultasse impossibile prendere in considerazione la possibilità di aumentare le dimensioni delle battute in base al minimo comune denominatore.

    Prolazione
    De Profundis Clamavi a 5 voci di Josquin Des Prez

    Intavolature d’epoca

    Una intavolatura d'epoca dall'aspetto autentico è possibile per strumenti come il liuto, la tiorba ecc. I vari stili storici sono ben supportati da una scelta di capotasti e simboli di nota, intavolatura opzionale "capovolta", e simboli speciali per le note della corda del basso. Vedere Intavolatura.

    Vedere anche

    Hai ancora una domanda senza risposta? Effettua l'accesso per prima cosa per porre la tua domanda.