Inserimento note

Nozioni di base

Per inserire in un pentagramma le note e le pause si devono seguire quattro passaggi fondamentali:

  1. selezionare il punto di inizio inserimento
  2. selezionare la Modalità Inserimento Note
  3. selezionare la durata della nota (o della pausa) da inserire
  4. inserire la nota dell'altezza desiderata (o una pausa) con scorciatoie da tastiera PC, con il mouse, o con una tastiera MIDI

Per inserire delle note che iniziano/finiscono in momenti diversi (polifonia), vedi Voci. Per inserire degli accordi leggi qui sotto.

1: Punto di inizio inserimento

Per prima cosa selezionare una nota o una pausa già presenti nella partitura come punto di inizio inserimento. C'è da precisare che quando si inseriscono delle note, queste vanno a sostituire le note o le pause già esistenti (sovrascrittura). Tuttavia è possibile inserire nuove battute in ogni punto della partitura (vedi Operazioni sulle battute: Inserire), oppure utilizzare la funzione copia e incolla per spostare un passaggio di note.

2: Inserimento note

Il pulsante "N" presente nella barra degli strumenti Inserimento Note indica se siete nella modalità inserimento note. Per attivare o disattivare la Modalità inserimento note, si può fare clic sul pulsante, utilizzare la scorciatoia da tastiera N. Per disattivare la Modalità inserimento note si può anche utilizzare il tasto Esc.

3: Durata delle note (o delle pause)

Dopo essere entrati nella Modalità Inserimento Note, si deve selezionare la durata della nota da inserire facendo clic su uno dei simboli presenti nella Barra inserimento note, oppure utilizzare le scorciatoie da tastiera.
Se c'è una divisione irregolare (come 3 note da 1/8 nel tempo di due), vedi Gruppi irregolari di note (terzine)

Le scorciatoie da tastiera per selezionare la durata sono:

  • 1: 1/64 (semibiscroma)
  • 2: 1/32 (biscroma)
  • 3: 1/16 (semicroma)
  • 4: 1/8 (croma)
  • 5: 1/4 (semiminima)
  • 6: 2/4 (minima)
  • 7: 4/4 (semibreve)
  • 8: 8/4 (breve)
  • 9: 16/4 (longa)
  • 0: Pausa
  • .: il punto trasforma la durata selezionata in una nota/pausa puntata

4 - Inserimento note dell'altezza desiderata

Per tutti gli strumenti (eccetto le percussioni a suono indeterminato) è possibile inserire le note facendo clic con il mouse direttamente sul pentagramma. (Per le istruzioni specifiche per le percussioni vedi Notazione per percussioni). Un metodo più veloce è quello di usare una tastiera MIDI (vedi sotto), oppure la tastiera alfabetica del computer. Gli esempi seguenti sono fatti utilizzando la tastiera standard del computer.

Per inserire le note come da esempio qui sotto utilizzare la sequenza di tasti: C D E F G A B C

Notes: C, D, E, F, G, A, B, C

Premendo 0 (Zero) si inserisce una pausa: per esempio con la sequenza C D 0 E si ottiene il risultato mostrato qui sotto. Notare che la durata selezionata per inserire le note (semiminime in questo esempio) determina anche la durata della pausa (pausa da 1/4 in questo esempio).

C, D, rest, E

Mentre si inseriscono le note, la finestra di MuseScore scorre automaticamente lungo la partitura. Se si vuole aggiungere una o più note nella stessa posizione dell'ultima inserita per scrivere un accordo, premere Maiusc e il tasto della nota: C D Maiusc+F Maiusc+A E F

C, D minor triad, E, F

Per creare degli accordi con note di differente durata, vedi il capitolo Voci.

Per inserire una nota con il punto, premere .. Per esempio 5 . C 4 D E F G A

Dotted quarter note: C, eighth notes: D, E, F, G, A

Quando si inserisce una nota utilizzando la tastiera del computer, Musescore la posiziona il più vicino possibile all'ultima nota inserita (sopra o sotto). Quando invece si inserisce un accordo le note sono aggiunte sopra la nota corrente (dal basso verso l'alto).
Per aumentare o diminuire di una ottava l'altezza dell'ultima nota inserita, utilizzare le seguenti combinazioni di tasti:

  • Ctrl+ (Mac: +): aumenta l'altezza della nota di una ottava.
  • Ctrl+ (Mac: +): diminuisce l'altezza della nota di una ottava.

Altre scorciatoie da tastiera

Altri utili comandi da tastiera disponibili in Modalità Inserimento Note:

  • (Su): aumenta l'altezza della nota di un semitono (utilizza ♯)
  • (Giù): diminuisce l'altezza della nota di un semitono (utilizza ♭)
  • Alt+Maiusc+: aumenta l'altezza della nota di un tono o un semitono a seconda della tonalià (armatura di chiave)
  • Alt+Maiusc+: diminuisce l'altezza della nota di un tono o un semitono a seconda della tonalià (armatura di chiave)
  • J: cambia la nota alterata nella corrispondente enarmonica (es. da Do♯ a Re ♭)
  • R: duplica l'ultima nota inserita
  • Q: dimezza la durata l'ultima nota inserita
  • W: raddoppia la durata l'ultima nota inserita
  • Backspace: annulla l'ultima nota inserita
  • X: inverte l'orientamento dei gambi della nota
  • Maiusc+X: sposta la testa della nota sul lato opposto del gambo

Tastiera MIDI

È possibile inserire le note utilizzando una tastiera MIDI.

  1. Collegare la tastiera MIDI al computer e accenderla
  2. Avviare MuseScore
  3. Creare una nuova partitura
  4. Selezionare con il mouse il punto di inizio inserimento (vedi sopra)
  5. Premere N per entrare in Modalità inserimento note
  6. Selezionare la durata della nota, per esempio 5 per una nota da 1/4 (semiminima), come descritto sopra
  7. Premere la nota desiderata sulla tastiera MIDI: verrà inserita nella partitura la nota dell'altezza selezionata

Nota: con la tastiera MIDI è possibile inserire una nota o un accordo alla volta. Questa modalità di inserimento (in inglese "step-time entry") è veloce e affidabile. Alcuni programmi di notazione cercano di interpretare i passaggi suonati dai musicisti (in inglese "real-time entry") e scrivere direttamente la notazione. Comunque con questo ultimo metodo spesso i risultati risultano non attendibili. MuseScore si concentra sulle procedure più affidabili per l'inserimento delle note.

Se avete più di una periferica MIDI connessa al computer, dovete indicare a Musescore quale di queste periferiche è la tastiera MIDI. Selezionare ModificaPreferenze... (Mac: MuseScorePreferenze...). Nella finestra di dialogo fare clic sulla scheda I/O e suoni e selezionare la periferica nella sezione "PortAudio".

Tastiera pianoforte

Colori delle note fuori estensione

Le note che sono all'interno dell'estensione di uno strumento o di una parte di voce appaiono di colore nero, invece le note al fuori della normale estensione appaiono colorate in rosso. Per alcuni strumenti l'estensione dipende dall'abilità del musicista (esempio archi, fiati o voce). Per questi strumenti le note fuori estensione per un musicista amatoriale appaiono colorate in giallo scuro, mentre le note fuori una tipica estensione per un professionista appaiono colorate in rosso.

out-of-range.png

I colori servono come informazione e appaiono sullo schermo ma non nelle copie stampate. Per disabilitare i colori delle note selezionare ModificaPreferenze... (Mac: MuseScorePreferenze...), , fare clic sulla terza scheda Inserimento Note e deselezionare l'opzione "Colora le note fuori estensione".

Note piccole

  1. Selezionare la nota (o le note) che si vogliono in formato piccolo
  2. Attivando la finestra Ispettore (F8) è possibile cambiare la grandezza sia delle note singole che quelle degli accordi utilizzando l'opzione "Piccolo" (presente sia nella sezione Accordo che nella sezione Nota nella finestra dell'ispettore)

selezionando Stile → Generale → Dimensioni è possibile cambiare la grandezza proporzionale di tutti gli elementi piccoli (anche se è una procedura non convenzionale).

Nota: nella finestra Ispettore, se si mette la spunta Piccolo nella sezione 'Note' verrà ridotta la grandezza della sola testa della nota; se si mette la spunta Piccolo nella sezione 'Accordo' si ridurranno anche le dimensioni dei gambi, delle code nei gruppi di note e delle code uncinate (cediglie).

Proprietà delle note

Modifica delle note (senza modificare la durata)

Se si deve modificare una sola nota, il sistema migliore è quello di selezionarla e di modificarla con il mouse o la tastiera.
Se si devono modificare più note ma non la loro durata, si può utilizzare il trasporto (se gli intervalli tra le note rimangono gli stessi), oppure la modalità di modifica altezza delle note.

Se le alterazioni appaiono insolite, è possibile utiizzare la funzione di sostituzione enarmonica delle alterazioni (vedi Alterazioni: Sostituzione enarmonica).

Vedi anche

Hai una domanda senza risposta? Inseriscila nel forum.